10 punti in meno per torti arbitrali: con il VAR Salernitana seconda

E’ stato un girone d’andata strano: la Salernitana dopo un inizio di campionato straordinario ha tirato il freno e ha avuto un calo clamoroso. A parte tutto, comunque, la decima posizione in classifica, i ventisei punti conquistati sono un ottimo punto di partenza in vista della seconda parte di stagione. Oltre ai limiti mentali, tecnici e tattici, la squadra allenata da mister Ventura nelle prime diciannove giornate è stata penalizzata anche da alcune scelte arbitrali sbagliate. Errori che hanno tolto ai granata ben dieci punti. Punti importanti che, in questo momento, avrebbero assicurato alla Salernitana il secondo posto, assieme al Pordenone. Ripercorriamo insieme la prima parte del campionato evidenziando gli errori più clamorosi delle quaterne arbitrali.

3^ Giornata – Salernitana – Benevento 0-2

Partita dominata dagli ospiti. Un derby campano meritato dagli stregoni, ma non esente da polemiche. Il gol del 2-0, per esempio, nasce da un tocco di mano di Letizia che stoppa il pallone e lancia in rete il compagno Sau. Una svista clamorosa, ma che alla fine non è stata decisiva ai fini del risultato.

5^ Giornata – Salernitana – Chievo Verona 1-1

Al minuto sessantadue, sul punteggio di parità, in area di rigore clivense Meggiorini tocca il pallone con la mano. L’arbitro Volpi non fischia l’estrema punizione a favore dei granata e la partita si chiude con il risultato di 1-1. I primi due punti persi.

6^ Giornata – Livorno – Salernitana 2-3 

Una vittoria all’ultimo secondo, una vittoria importante su un campo difficile. A parte i tre punti portati a casa, la direzione della gara è tutta da rivedere. Durante un’azione d’attacco della Salernitana, Bogdan trattiene e atterra Djuric negandogli la possibilità di ribattere il pallone in rete: per il signor Ghersini è tutto regolare: né viene assegnato il rigore né l’espulsione al difensore livornese.

8^ giornata – Venezia – Salernitana 1-0 

Una partita davvero strana: nei minuti iniziali del primo tempo il guardialinee fischia e annulla, per un fuorigioco inesistente, un gol a Giannetti. Poi, invece, viene convalidato il gol vittoria dei lagunari, anche se Bocalon parte da una posizione irregolare. Manca, poi, un rosso a Zuculini che interviene in maniera scomposta su Di Tacchio. E alla fine della partita viene negato un rigore clamoroso a Jallow.

12^ Giornata – Cremonese – Salernitana 1-0

Il gol di Ceravolo era da annullare: l’attaccante della squadra lombarda, in fuorigioco, anche non toccando il pallone induce Micai all’errore. Inoltre manca anche il secondo giallo a Gustafson.

13^ Giornata – Juve Stabia – Salernitana 2-0

Il secondo derby campano della stagione perso. Un 2-0 secco, ma non privo di polemiche. Infatti al minuto venticinque manca un’espulsione di Tonucci che ferma in maniera goffa e pericolosa Di Tacchio, ma per l’arbitro Pezzuto non ci sono gli estremi per un rosso. Poi il gol del doppio vantaggio stabiese andava annullato, perché in campo erano presente ben due palloni.

14^Giornata, Salernitana- Ascoli 1-1

Sul risultato di 1-0 annullato un gol regolare a Cedric Gondo. Davvero clamorosa la svista del direttore di gara e del suo assistente, perfettamente in linea e non coperto da alcun giocatore. Altri due punti in meno per colpa delle giacchette nere.

15^Giornata, Cittadella-Salernitana 4-3

Sul risultato di 4-1 negato un rigore solare alla Salernitana per un fallo di mano di Adorni sulla linea di porta. Il difensore ha anticipato irregolarmente Lombardi che avrebbe senza dubbio segnato: sarebbe stata anche espulsione, con 30 minuti ancora da giocare e un potenziale punteggio di 4-2.

 

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.