Abuso di potere e danno di immagine: la Salernitana prepara diffida milionaria

La Salernitana sarà l’unica delle 20 società di serie A a non prendere parte alla prima assemblea di Lega della stagione 2021-22. Una decisione inaspettata, anche perché nel primo comunicato si parlava di “invito esteso alle neopromosse” senza che si ponesse l’accento sulla querelle multiproprietà. In sede, però, non è arrivata nessuna email e la presidenza ha preso atto con sdegno contattando immediatamente i legali e ipotizzando una richiesta milionaria per danno di immagine. Fino al 25 giugno è stata concessa una proroga dalla FIGC e la mancata presenza della Salernitana appare una forzatura. In attesa di chiarire l’enigma presidente (al netto delle dichiarazioni pubbliche, perentorie, c’è un dialogo tra le parti per evitare lo scontro e far prevalere buonsenso e merito sportivo nel rispetto delle norme), la Salernitana scende in campo per far valere le proprie ragioni ma i tifosi temono che tutte queste inimicizie possano avere un contraccolpo negativo come accadde nel lontano 1999. E le continue voci, messe in giro ad arte e puntualmente smentite, su Della Valle e altre cordate acuiscono il malcontento di una tifoseria che non riesce a godersi appieno la gioia per il successo e che ha paura di un clamoroso passo indietro. Non esserci lunedì certo non rasserena il clima.

Articolo tratto da Tuttomercatoweb

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.