Autogol Marchetti: non doveva finire così

Prima la bacchettata nei confronti di Simy, poi quasi un invito a dimettersi in caso di passo falso col Genoa, poi ancora alcune dichiarazioni su un futuro societario quantomeno nebuloso e l’incubo di “essere estromessi dal campionato, viene difficile fare trattative di qualunque genere con la scadenza del 31-12 sulle spalle”. L’amministratore unico Ugo Marchetti, che si era presentato alla piazza in modo esemplare mostrando eleganza e signorilità, conferma però di non essere molto pratico del mondo del calcio, lo testimonia una nota stampa ricca di spunti di riflessione ma che è stata pesantemente criticata dalla tifoseria granata. Si può decidere legittimamente di esonerare un allenatore dopo sei sconfitte in otto gare, ci mancherebbe, ma un uomo di con quest’esperienza, che ha vinto con una rosa normalissima e che ieri aveva ricambi obiettivamente di livello più basso rispetto ai titolari, va rispettato fino alla fine. Castori ci sta male, è dispiaciuto e sorpreso, anche arrabbiato per un comunicato che andava evitato. Lui che ha vinto la B, che si era rimesso in gioco in un momento complicatissimo isolando il gruppo da critiche e lamentele. Non doveva finire così, il calcio purtroppo ha poco tatto e pochissima memoria. Ricorderemo un professionista eccellente, al pari del vice Bocchini, e un allenatore vincente, entrato di diritto nella storia.

Articolo di Luca Esposito per TuttoSalernitana

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.