Castori: “Dal possibile 1-1 al crollo, dobbiamo capire cosa sia la serie A”

“Un conto è perdere 2-0, un altro tornare a casa con una umiliazione. Siamo una neopromossa e siamo perfettamente consapevoli che ci aspetta un campionato di grande sofferenza, ci vorrebbe un pizzico di spensieratezza e spregiudicatezza in più. Purtroppo, dopo tre giornate, ho la sensazione che la palla scotti tra i piedi e che i ragazzi siano convinti che da un momento all’altro commetteranno un errore decisivo. Così non va bene. Ci sono tutti i presupposti per risalire la china, mancano ancora 35 partite, ma è determinante cambiare registro. Continuiamo a subire sempre gli stessi gol, è un peccato perchè reggiamo abbastanza bene specialmente nei primi tempi ma usciamo dalla gara alle prime avversità. Analizzando la partita con equilibrio posso dire che, sull’1-0 per il Torino, c’è stata una chance importantissima per Djuric e potevamo fare 1-1. Anche successivamente Bonazzoli ha cercato la giocata con Ribery ed è stato anticipato di un soffio. In A non ti perdonano e devi portare gli episodi dalla tua parte. Non sono preoccupato, ma arrabbiato. Riprenderemo a lavorare con la consapevolezza che possiamo farcela e che, a volte, le grandi imprese si costruiscono gestendo con intelligenza le difficoltà”. Così il tecnico Fabrizio Castori in conferenza stampa.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.