Colantuono: “Pari giusto, con l’aiuto dei tifosi possiamo fare cose importanti”

Colantuono si presenta sorridente in sala stampa, evidentemente soddisfatto della prova dei suoi: “Un ringraziamento ed un applauso vanno alla curva sud Siberiano, una cosa del genere l’ho vista davvero poche volte. Si sta creando ambiente giusto per fare qualcosa di interessante. Con l’aiuto della nostra gente possiamo fare cose importanti. Abbiamo avuto difficoltà nel rompere il ghiaccio. Nel primo tempo abbiamo sofferto bene, la traversa del Palermo nasce da un nostro errore. Nel secondo tempo abbiamo fatto molto meglio, abbiamo giocato contro una signora squadra”.

Sul suo allontamento da parte del direttore di gara: “Sono uscito dall’area tecnica e quindi il direttore di gara mi ha allontanato. Ogni tanto bisogna essere più elastici, vedi anche il rigore che non ci hanno dato. Scelta tecnica quella di mandare in campo Di Tacchio e non Di Gennaro, avevamo una serie di elementi arrivati da poco. Abbiamo cercato di bilanciare, inizialmente il Palermo ho temuto potesse essere pericoloso. Sino all’ultimo sono stato indeciso sulla scelta. Di Gennaro? Nessuno ha ancora 90 minuti nelle gambe, occorrono quattro/cinque gare, parecchi trovano condizione giocando la partita. Anderson è arrivato da poco, si tratta di un giocatore molto interessante, dobbiamo però ancora conoscerlo”.

Sugli esterni: “Con Vitale squalificato, ho dovuto adattare Pucino, che l’anno scorso ha giocato ed ha fatto bene sulla sinistra. Vuletich e Djuric? Vuletich ha giocato sempre come una prima punta di ruolo. Dobbiamo migliorare il palleggio, siamo stati un po’ sporchi in queste situazioni. Ciò si verificherà quando crescerà anche Di Gennaro”.

Il tecnico conclude: “Il primo tempo siamo stati attendisti, abbiamo giocato contro una squadra importante e comunque noi abbiamo ampi margini di crescita. Ci sono giocatori importanti per la categoria, devono crescere ed acquisire minutaggio. Ho provato ad inizio secondo tempo anche a cambiare le carte, a cambiare modulo. Bocalon? Sono andato via dopo l’ultimo cambio, è entrato molto bene, lui è uno dei sei attaccanti titolari e quando entra dalla panchina deve dare sempre il massimo. Atteggiamento giusto, Bocalon deve essere da esempio per tutti”.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.