Come falsare i campionati: il Livorno manda via quasi tutti e giocherà con la Primavera

Terremoto in casa Livorno. Dopo l’allenamento mattutino, tutti i calciatori in scadenza di contratto o in prestito hanno lasciato il Centro Sportivo e non saranno più a disposizione a partire da domani. Per la prossima partita di campionato contro il Trapani, non saranno a disposizione di mister Filippini (che invece è stato confermato, nonostante un contratto in scadenza) 18 giocatori e l’allenatore potrà fare affidamento sui soli giocatori che hanno contratto pluriennale: Bogdan, Di Gennaro, Agazzi, Porcino, Marsura, Murilo, Braken e Mazzeo. A disposizione del tecnico, quindi, solo otto giocatori, a cui andranno inevitabilmente aggiunti quelli del Settore Giovanile per scendere in campo con 11 giocatori e per comporre la panchina. Il Livorno dopo 31 giornate è ultimo in classifica, a -12 dal 17esimo posto. Ricordiamo che Spinelli, il presidente, durante il periodo del Covid si batteva affinché i campionati non riprendessero ma, allo stesso tempo, parlava di retrocessione ingiusta “perché in inverno abbiamo investito molti soldi e potenzialmente potremmo salvarci”. Oggi gli amaranto salutano la categoria virtualmente, quasi matematicamente, e potrebbero indirizzare la lotta salvezza e promozione perdendo punti su tutti i campi. I presidenti Balata e Gravina, sollecitati in merito, non hanno potuto fare altro che prendere atto, dal momento che nessuna regola può imporre un prolungamento di contratto.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.