Coppola (RAI): “Ventura innamorato di Salerno e del suo dodicesimo uomo”

Coppola (RAI): “Ventura innamorato di Salerno e del suo dodicesimo uomo”

Gianfranco Coppola, noto giornalista RAI, è intervenuto ieri sera nel corso della trasmissione del Salerno Club 2010 “Tifosissimi” soffermandosi sulle vicende di casa granata partendo da un interessante aneddoto: “Anzitutto mi sento sempre molto legato alla piazza di Salerno e alla maglia granata, ricordo con affetto e un pizzico di nostalgia i tempi del Vestuti. Posso confessarvi una cosa: conosco mister Ventura dai tempi del Venezia, siamo legati da un’amicizia e da un rapporto di stima e rispetto. Mi ha parlato benissimo della città e della tifoseria, è innamorato di una piazza che ha vissuto da avversario nei tempi d’oro dell’Arechi. E’ assolutamente affascinato dal dodicesimo uomo ed è convinto che con l’apporto del pubblico si possano fare cose molto interessanti. Sta gettando le basi per un qualcosa di diverso rispetto al recente passato contraddistinto da una salvezza sofferta. Ha la personalità e l’esperienza giusta per rappresentare un punto di riferimento per la squadra e per lo spogliatoio, la vittoria con l’Entella ha permesso di accantonare un momento difficile che non cancellava certo un avvio di stagione ottimo per la Salernitana. Ritengo che questo campionato sia livellato e che la Salernitana abbia tutte le carte in regola per puntare alla promozione. Distacco del pubblico? I tempi sono cambiati, basti pensare al nostro mestiere: prima vivevamo i ritiri con le squadre, tornavamo a casa dopo le trasferte viaggiando con i giocatori. Questo ci aiutava ad approfondire le dinamiche, a conoscerli meglio come persone al di là della notizia. Oggi, pur essendo un mondo molto social, si pensa che bastino facebook, twitter o instagram per avere un rapporto diretto con la piazza ed è la cosa più sbagliata del mondo. Ai tempi del Vestuti il dodicesimo uomo era davvero determinante, oggi l’Arechi è un fattore ma non c’è quel connubio emotivo che va ricreato incentivando ogni giorno la gente. Anche ascoltando l’incitamento dei tifosi durante un allenamento si può tirare fuori energia importante, il pubblico conta molto anche nella preparazione delle gare e non solo la domenica nei 9o minuti”. 

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.