Fabiani: “Baratterei la salvezza della Salernitana con il mio addio al calcio”

Fabiani: “Baratterei la salvezza della Salernitana con il mio addio al calcio”

Dopo mille polemiche finalmente si gioca. In scena Salernitana-Venezia per i playout di Serie B. Come aveva deciso il campo prima che il tribunale decretasse la retrocessione del Palermo in Serie C, salvo poi riammetterlo in B con una penalizzazione e ristabilire ciò che aveva deciso il terreno di gioco.
“Prima o poi alcune situazioni andavano risolte, il tribunale ha ripristinato quello che era stato deciso sul campo”, dice a TuttoMercatoWeb il direttore sportivo della Salernitana, Angelo Fabiani.

Voi avete accettato il verdetto del campo con meno polemica rispetto al Venezia…
“Capisco le lamentele del Venezia ma noi non stiamo a fare la conta dei giocatori che ci mancano. Abbiamo vissuto come loro gli stessi equilibri, allenarsi nell’incertezza non è facile. Dobbiamo demandare tutto a quello che sarà il verdetto del campo ed essere rispettosi delle direttive”.

Come avete vissuto queste settimane?
“I calciatori si sono allenati senza sapere se si giocasse o no. Quindi la spina la stacchi, è normale. L’abbiamo riattaccata subito, noi così come i calciatori del Venezia. Inizialmente per me i playout non andavano disputati in base all’articolo 18 lettera H. Però nel momento in cui la Corte Federale ha rimesso in gioco il Palermo sono state ristabilite le cose decise dal campo e va bene così”.

E quindi, alla fine, si gioca.
“A questo punto è giusto così. Perché lo ha deciso il campo… e quindi ci giocheremo queste due partite. Non tragga in inganno il fatto che il Venezia sia decimato, quelli che andranno in campo sono tutti di categoria”.

Anche voi avete le vostre assenze…
“Beh. Ci manca Bernardini, Di Gennaro, Casasola è stato colpito da un grave lutto. Abbiamo diversi acciaccati che non saranno della partita ma questo non deve essere da contraltare agli amici del Venezia. Mi auguro che sia una partita degna del rispetto e poi vedremo al termine delle due partite chi avrà la meglio”.

Direttore e lei resterà alla Salernitana?
“Oggi non è importante. Oggi conta portare in porto una stagione che non è stato tra le migliori. Baratterei la salvezza della Salernitana con il mio addio al calcio (sorride, ndr)”.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.