Family Pack, entusiasmo e adesioni…ma anche ore sotto il sole. La società corre ai ripari

Primo giorno utile per sottoscrive il Family Pack e risposta tutto sommato positiva da parte dei tifosi che, desiderosi di vivere un’altra stagione di passione al fianco della squadra del cuore, hanno deciso di rinnovare il proprio atto di fede e di garantire la propria presenza all’Arechi per tutto il campionato. A breve dovrebbe arrivare la comunicazione ufficiale circa il dato di carnet acquistati in queste prime 48 ore, la sensazione è che sia stata una buona partenza quantomeno dal punto di vista numerico. Per quanto riguarda l’organizzazione, invece, c’è ancora qualcosa da migliorare. Detto ieri dei problemi di “codice” e dell’indisponibilità di alcuni settori (su tutti la tribuna verde), oggi abbiamo visto decine e decine di persone sotto il sole all’Arechi. All’inizio è stato aperto un solo botteghino, poi le richieste incalzanti dei presenti hanno spinto il club ad aprirne altri due al fine di velocizzare le operazioni e di soddisfare le esigenze di tutti. E’ vero che un family pack, con tutta quella documentazione da presentare, sarebbe difficile da sottoscrivere online. Tuttavia soprattutto per persone anziane o con problemi di salute può essere pericoloso restare in coda per tante ore con una temperatura superiore ai 30 gradi e destinata ad aumentare nei prossimi giorni. Da qui a martedì prossimo non è da escludere che la società possa attrezzarsi quantomeno con qualche gazebo e con un piccolo punto ristoro che consenta di acquistare una bottiglietta d’acqua fresca. Qualcuno segnala alla nostra redazione di essere tornato a casa “perchè faceva troppo caldo, nel 2023 non è tollerabile dover rischiare la salute per fare un abbonamento”. A proposito di salute, ad ora tutto tace sul fronte diversamente abili.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.