Gagliolo: “Posso giocare anche a sinistra. Tifosi, mai vista una roba del genere!”

“Vi posso assicurare che siamo molto dispiaciuti per la sconfitta di domenica contro la Sampdoria. Avevamo preparato bene la gara, eravamo pienamente consapevoli dell’importanza della posta in palio e purtroppo, ancora una volta, ci siamo sciolti alle prime difficoltà. Tutto sommato l’approccio era stato positivo, poi l’hanno sbloccata su un episodio e non abbiamo avuto la forza di andare nello spogliatoio con un minimo scarto. A questo punto, con una classifica così deficitaria, non possiamo fare nessun tipo di ragionamento. A Cagliari sarà fondamentale, ma allo stesso modo non dobbiamo partire mentalmente battuti contro la Juventus. L’Empoli ha vinto in casa loro, magari incappano in una giornata no e dovremo essere pronti ad approfittarne. Guai a farci condizionare dai sette punti del Cagliari, c’è una coppia d’attacco molto forte formata da Pavoletti e Joao Pedro. Ma siamo in A, ogni squadra ha i suoi campioni in organico. Compresa la Salernitana. Ci sono elementi forti, siamo tutti bravi ragazzi e questo pranzo di gruppo ci ha permesso di analizzare la sconfitta con un pizzico di serenità in più. Tifosi? Straordinari, non c’è altro da dire. Con loro giochiamo sempre in casa, alla lunga può essere la componente più importante. Sta a noi ripagarli sul campo con sacrificio, sudore e risultati”. Così Riccardo Gagliolo nel corso della trasmissione Goal su Goal. Il difensore ha aggiunto che “seguiamo l’allenatore, in campo cerchiamo di fare ciò che ci chiede. In carriera ho giocato anche come terzino sinistro, ma in quel ruolo c’è Ranieri che si sta comportando bene. Negli allenamenti sono stato provato sempre e solo come centrale, sono pronto a dare il mio contributo”.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.