Iervolino: “Pronto il rinnovo per Nicola e Sabatini, c’è un grande progetto”

Euforico, commosso, scatenato. Danilo Iervolino è il principale artefice di questo miracolo sportivo e si è goduto l’abbraccio dei 32mila dell’Arechi. Nel pre partita il primo giro di campo, accompagnato dalla moglie, dai figli, dagli affetti più cari e da quel Maurizio Milan che è diventato il suo braccio destro e che ha saputo fornire un contributo eccezionale. Mano sul cuore, ringraziamento a tutti, richiesta di incitare a gran voce la squadra nell’ultima battaglia stagionale. Le immagini televisive lo mostravano sofferente quando, sullo 0-4, l’arbitro di Venezia-Cagliari decideva di concedere sei minuti di recupero. Interminabili. Poi l’esplosione di gioia, l’abbraccio con Edoardo Stanchi che fu tra gli artefici del passaggio di consegne lo scorso 31 dicembre e la corsa a perdifiato sul campo per saltare, cantare e ballare sotto la curva Sud. Le sue parole sono state da pelle d’oca: “Siete voi la nostra forza, il nostro orgoglio, il nostro vanto. Abbiamo la miglior tifoseria d’Italia, la vostra energia è fondamentale per noi e per tutti coloro che rappresentano la maglia granata. Ci ho sempre creduto, sin dal primo giorno. Mi sentivo quasi in colpa quando l’Udinese era sul triplo vantaggio a fine primo tempo e rischiavamo di vanificare la nostra rimonta. Per fortuna tutto è andato nel migliore dei modi, ora siamo in serie A e dobbiamo goderci questa serata”. Da domani, però, sarà già futuro. Ecco quanto ha dichiarato ai giornalisti presenti in tribuna: “Non credo ci saranno problemi per la permanenza di Nicola e Sabatini. Sono stati bravi, hanno dato un grosso contributo. Peccato aver chiuso con una prestazione decisamente negativa, ma abbiamo costruito la nostra salvezza con merito nelle settimane precedenti. Abbiamo un progetto ambizioso, vogliamo aprire un ciclo e dare un grande segnale a questa tifoseria meravigliosa. La base è ottima, naturalmente la integreremo per mettere a disposizione dell’allenatore pedine di livello in tutti i reparti. Questo campionato insegna che nessuno regala nulla e dobbiamo farci trovare pronti evitando questa sofferenza finale. Riscatteremo molti elementi, poi ci affideremo al nostro direttore sportivo per le scelte definitive. Siamo estremamente ambiziosi”.

foto tratta dal sito Salernotoday

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.