Iervolino svela le strategie di mercato, Sabatini pensa a sei innesti: le ultime

“Il colpo a sorpresa? Messi, senza dubbio. L’effetto “wow” piace anche a me. Parlando seriamente: io voglio investire, non gettare soldi. Prendere le figurine non mi interessa, preferisco acquistare un giovane bravo che possa portare entusiasmo, freschezza e qualità in casa Salernitana. Il cuore oltre il portafoglio. Voglio atleti che si sentano pronti a scrivere una pagina di storia, a far parte della meravigliosa famiglia granata. Io ho una visione diversa: il mio sogno è spendere in infrastrutture, tanto per rendere l’idea. E’ chiaro che il 31 il mercato chiude e ci dobbiamo muovere, ripeto quanto detto prima: a breve parlerò con Sabatini, posso dirvi però che c’è totale condivisione”. Queste le parole del presidente Iervolino che, nel pieno rispetto dei ruoli e senza voler fare alcun tipo di invasione di campo, ha lasciato intendere quali saranno le linee guida che il club seguirà nei prossimi giorni di mercato. Facile prevedere che, sotto traccia, il nuovo direttore sportivo (che ha firmato un contratto di sei mesi, resterà in caso di salvezza) abbia già bloccato qualche calciatore: giovani di prospettiva affiancati a 2-3 colpi di categoria ed esperienza, gente fisicamente pronta e che possa scendere in campo senza alcun tipo di problema già per la doppia sfida salvezza determinante contro Genoa e Spezia. Nomi? Assolutamente prematuro farne, il presidente ha semplicemente lasciato intendere che Balotelli sia una fantasia giornalistica e che saranno fatti investimenti sostanziosi, ma allo stesso tempo oculati senza andare dietro al nome “tanto per gettare fumo negli occhi della piazza”. Non è mancato anche un riferimento all’attuale organico, ritenuto “più valido di quanto non dica la classifica. Se segni due gol a Verona, ne sfiori altri due e vinci meritatamente vuol dire che hai qualità tecniche e morali, è bastato un minimo incoraggiamento per rendere al massimo. Se otto giocatori che militavano in B hanno espugnato il Bentegodi vuol dire che lo zoccolo duro e l’ossatura ci sono. Ma è chiaro che dobbiamo rinforzarci”. Per la porta si ragiona su Sepe, in difesa arriverà almeno un centrale assieme ad un terzino destro. Casasola, stimato da Colantuono, fu portato in Italia proprio da Sabatini e pare lascerà Frosinone. E’ a centrocampo che bisognerà fare le cose principali, soprattutto dopo l’ennesimo infortunio di Mamadou Coulibaly. In arrivo tre pedine: un regista, una mezzala di inserimento ed un calciatore che possa fungere anche da esterno. Falco è stato sondato con insistenza, ma c’è un contenzioso in atto tra Stella Rossa e Lecce che potrebbe rallentare le operazioni. I buoni rapporti con alcune società potrebbero favorire qualche trattativa, in avanti si valutano le posizioni di Simy e Bonazzoli che, come detto, piace al Cagliari. Il nome di Perotti viene accostato con insistenza ai granata, ad ora non arrivano conferme.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.