Il punto sulla 37^ giornata del campionato di Serie B

Nel penultimo turno del campionato di serie B regna tanta incertezza nelle zone alte e nelle zone basse della classifica con ristagnante equilibrio ed imprevedibili sorprese.

Da una parte nello spazio di due punti ci sono cinque squadre (Chievo Verona, Pisa, Frosinone, Salernitana ed Empoli) che aspirano ai play off e dall’altra nello spazio di cinque punti ci sono ben sei squadre (Ascoli, Pescara, Perugia, Cosenza, Juve Stabia, Trapani) che lottano strenuamente per evitare due posti di retrocessione diretta ed i due posti play-out.

Nessuna delle suddette compagini ha la certezza a novanta minuti dal termine di raggiungere l’obiettivo,  lasciando, in tal modo, aperto ogni discorso riguardo ad avvicendamenti che sono stati una costante sempre in agguato in quest’anno tormentato anche per vicissitudini extra-calcistiche dovute all’emergenza mondiale della pandemia Covid-19.

Fa scalpore la sconfitta casalinga dell’Empoli per 5 a 1 contro il Cosenza impegnato nella rincorsa salvezza.

Invece, il Chievo Verona a Benevento ed il Pisa al Romeo Anconetani vincendo per 1 a 0 entrano in zona play off.

Peraltro, si registra  un salomonico pareggio a reti inviolate tra Spezia ed Entella.

Inoltre, il Cittadella con un gol di Proia nel recupero batte il Venezia consolidando il quinto posto, mentre il Frosinone perdendo di misura a Crotone scivola al settimo posto.

Cadono in casa complicando il percorso salvezza Perugia (1-2 con il Trapani) e Juve Stabia (identico punteggio 1-2) con la Cremonese.

Il Pescara respira con una semplice vittoria sul fanalino di coda Livorno.

Infine, ritorna da Trieste con un punto di rigore la Salernitana nel match contro il Pordenone (1 a 1 risultato finale).

Nel complesso la prestazione segnala un riscatto incoraggiante anche per intensità e per lampi di buon gioco per oltre un’ora dopo un avvio piuttosto altalenante.

Soddisfacente prova del centrocampista Capezzi che ha evidenziato giocate significative e rilevanti. Anche l’attaccante Gondo si è ben messo in mostra. Contrariamente piuttosto in ombra il polacco Dziczek.

Il risultato maturato al Nereo Rocco deve costituire una spinta  ed uno stimolo necessario a dare serenamente il meglio con grande consapevolezza dei propri mezzi e con lo spirito giusto in vista dell’incontro decisivo con lo Spezia nell’ultimo turno per agguantare i play off che la tifoseria merita ampiamente.

Avv. Silvestro Amodio

Socio Salerno Club 2010

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.