Juric vede un’altra partita: “Li abbiamo massacrati, non ricordo tiri della Salernitana”

Di seguito le dichiarazione del tecnico Ivan Juric in conferenza stampa:

Partiamo dai fischi: cosa significano?
“La squadra ha fatto una grande gara contro una squadra che non perde da sei partite. E’ tutto scritto: siamo più o meno come l’anno scorso, ma abbiamo perso tantissimi giocatori. I ragazzi meritano altro, ma siamo a Torino. Non possiamo essere decimi: a Monza sono felici, a Bologna uguale, così come a Monza, ma i miei ragazzi prendono insulti. E’ una gravità, perché si sapeva. E lo dicevo da agosto: dobbiamo lavorare tutti di più e meglio, fare meno errori e fare scelte diverse sul mercato per dare al pubblico ciò di cui ha bisogno. In altre squadre sono felici.

Come sta Pellegri?
“Ha sentito un problemino al flessore. Abbiamo rinunciato a metterlo dentro, è una situazione al limite”

In tanti non hanno dare grandi risposte, penso a Miranchuk e Singo
“Posso dire che sono stra contento di Miranchuk: è venuto in prestito perché all’Atalanta era l’ottavo attaccante, ora sta facendo benissimo tra assist e gol. Se pensiamo che faccia 20 gol siamo fuori di testa. Singo è uscito per qualche problema al pube, ma ha giocato bene e ha fatto le diagonali giuste. Non mi ha deluso nessuno, mi ha deluso il pallone perso che è l’ennesimo leggerezza e ha portato al gol”

Un giudizio sulla partita?

“Abbiamo dominato per larghi tratti, la Salernitana ha fatto gol su un nostro regalo e poi ha fatto un altro mezzo tiro in porta, tra l’altro deviato. Nel secondo tempo abbiamo costruito tante occasioni per poterla vincere e avremmo potuto ribaltarla.  Li abbiamo massacrati, c’è stato il palo e poi…solo Torino. Ma evidentemente è una stagione che va così, è comunque evidente che questa Salernitana sia tutt’altra cosa rispetto a quella dell’andata. L’analisi è generale: abbiamo tre punti in più rispetto alla passata stagione, quindi siamo allo stesso punto di partenza e mi sarei aspettato qualcosa in più. Da tutti. Anche dal mercato. Forse dovevo impormi maggiormente. Futuro? Ho un altro anno di contratto”.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.