Le pagelle: Tutino il nuovo Di Vaio, Castori perfetto nella lettura della gara. Male Capezzi

Belec 7: dopo la brutta gara di Verona ha avuto il merito di riscattarsi con almeno due interventi provvidenziali. Bravo su Marconi nel primo tempo, strepitoso su Masucci che poteva fare 1-1 da distanza ravvicinata. Un riflesso incredibile, quanto basta per cancellare quella “papera” che rappresenta, ne siamo certi, solo un incidente di percorso. Una bella risposta ai – pochi – nostalgici di Micai. Se poi inizia anche a fare assist…

Casasola 6,5: un errore dopo 20 secondi, nel primo tempo sembra il più in difficoltà del quartetto difensivo e spinge meno del solito anche per garantire copertura a Lombardi. Cresce nella ripresa, merito anche di Kupisz. Cerca il gol “stile Reggina” e per poco non pesca il jolly.

Aya 6,5: non è brillantissimo in avvio, ma spicca nella ripresa specialmente per alcuni interventi di testa che risultano fondamentali.

Gyomber 6,5: commette il fallo da rigore, ma nulla cancella una prestazione di grande autorevolezza. Splendido primo tempo, stravince il duello con Masucci e si conferma un valore aggiunto per la retroguardia.

Lopez 6: un po’ impreciso negli appoggi, ma è sempre concreto e pronto alla battaglia. Buona prestazione nel complesso, si sta confermando un titolare affidabile anche con Castori ma fa un po’ di fatica quando Gucher si sposta dalle sue parti.

Di Tacchio 6: al suo fianco occorrerebbe un giocatore più rapido e tecnico, in caso contrario emerge qualche limite. Sbaglia un passaggio a metà campo che innesca una ripartenza pericolosissima, come sempre è troppo falloso. Cresce anche lui nella ripresa, merita comunque la sufficienza.

Capezzi 5,5: una giornata storta che cancella, in parte, la buona performance di Verona. In fase di non possesso soffre tantissimo, gli avversari lo saltano in scioltezza e non a caso viene sostituito già all’intervallo. Si fa preferire quando si propone in avanti, Castori gli chiede inserimenti continui e, almeno su questo, viene accontentato. La punizione calciata malissimo dal limite è la fotografia di una gara insufficiente.

Lombardi 5,5: è palesemente in ritardo di condizione, lo si capisce quando avrebbe la possibilità di andarsene da solo e invece si allunga il pallone. Lì perde coraggio, si smarrisce e sbaglia qualcosa anche di elementare. Quando inizia ad accendere il motorino viene fermato con le cattive.

Cicerelli 5,5: forse è il giocatore che ha brillato di meno in queste prime gare ufficiali, in proporzione alle potenzialità. Stranamente impreciso, come accaduto a Verona finisce spesso per eclissarsi. Non è un caso che la Salernitana attacchi soprattutto sull’out opposto.

Djuric 6,5: non si rende quasi mai pericoloso, ma il lavoro che fa per la squadra è straordinario. Di testa le prende tutte, per spirito di sacrificio è encomiabile e stravince il duello con Caracciolo.

Tutino 8,5: che giocatore! Un fenomeno per la categoria. Segna due gol strepitosi, da altrettante giocate di livello nasce anche la doppietta di Kupisz. Imprendibile nell’uno contro uno, se avesse centrato la porta con quel tiro da centrocampo…

Kupisz 7,5: entra benissimo in partita, sin dai primi minuti appare pimpante e concentrato. La doppietta una grande soddisfazione personale. Anche in questo caso un acquisto sottovalutato.

Schiavone 6: un assist, qualche cross interessante su palla inattiva e un buon contributo in fase di non possesso.

Anderson, Giannetti, Antonucci sv

Castori 7,5: sta gestendo il gruppo con sagacia, intelligenza e bravura. Ma non c’erano dubbi. A tratti si vede anche un gioco interessante. Ha il merito di fare le cose semplici, senza inventarsi nulla nè pretendere dai difensori il possesso palla nell’area piccola. Bene così!

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.