Lotito: “Non ci sono offerte, ma…”

Importante riunione domani sera a Roma in presenza di Claudio Lotito, Marco Mezzaroma, Angelo Fabiani e dei legali che stanno seguendo la vicenda. C’è un pizzico di preoccupazione per l’assenza di trattative concrete, ma l’avvocato Gentile ha ribadito in queste ore che il 25 la Salernitana sarà regolarmente iscritta al campionato. Abbiamo intercettato telefonicamente il patron che si è lasciato andare ad una rapida battuta: “Quante offerte sono arrivate? Zero. Si sono accostati solo personaggi “dubbi”. E non dico altro. In questo momento stiamo lavorando e continueremo a farlo nei prossimi giorni”. In pratica, confrontando le varie fonti, sta emergendo una verità che desta qualche preoccupazione: ci si aspettava, con la Salernitana in A, di ricevere tante offerte, ma è chiaro che con 30 giorni a disposizione per vendere il coltello è dalla parte del manico di chi compra. Ai granata si sarebbero avvicinati due presidenti con trascorsi infelici in cadetteria, voci confermate dalla proprietà e da Marco Mezzaroma. Quali le soluzioni in assenza di acquirenti? L’ipotesi trust si è raffreddata ma se ne proverà a parlare con la FIGC:  l’obiettivo triplice è iscrivere la squadra, non avere ruoli di alcun genere e avere altri sei mesi per cedere alle condizioni ritenute idonee. Sarà dura, ma si proverà ad avviare un dialogo. Viceversa c’è sempre la speranza di un fondo straniero. Ad ora si sarebbe fatto vivo solo uno dall’Australia, ma con potenzialità economiche irrisorie. “Vogliamo cedere, sia chiaro, ma solo a chi può consentire alla Salernitana di fare meglio di ciò che abbiamo fatto noi” ha aggiunto Lotito. Convinto, tra l’altro, che dietro queste offerte ritenute “dubbie” ci sia la spinta di qualche società direttamente interessata alla vicenda. E intanto i tifosi iniziano ad essere preoccupati.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.