Pagelle: quasi tutti sopra la sufficienza. Coulibaly super, Stranberg un muro

Belec 6: un buon intervento nel primo tempo, per il resto vive una serata più tranquilla del previsto. Capitola su Zapata, non può farci granché. Poi lo grazia Zappacosta.

Gyomber 5,5: non è ancora il calciatore meraviglioso ammirato l’anno scorso, lo confermano alcuni appoggi imprecisi in avvio di gara. Si riscatta nella ripresa con una grande chiusura su Zapata.

Strandberg 7: non a caso Zapata trova il gol nell’unica circostanza in cui non è marcato dal forte centrale. Se rileggiamo i commenti che accompagnarono il suo arrivo ci viene semplicemente da sorridere.

Gagliolo 6,5: riscatta alla grande la performance da film horror della settimana scorsa. Alla lunga sarà un punto di forza.

Ranieri 6,5: grandissima prestazione che gli vale i primi applausi dell’Arechi. Dalle sue parti non si passa, non a caso il gol arriva dopo che viene sostituito.

Kechrida 7: la cavalcata di settanta metri palla al piede vale da sola il prezzo del biglietto, quando non ha compiti di marcatura e può spingere è quasi devastante.

L.Coulibaly 6,5: finalmente una prestazione di livello, a tratti ricordava Akpa Akpro. Quando crescerà fisicamente potrà essere un valore aggiunto.

M.Coulibaly 7,5: partita sontuosa, la migliore con la maglia della Salernitana. E’ dappertutto: attacca, difende, corre, pressa, salta, lo vedi in area di rigore e poi 10 secondi dopo in quella opposta. Sfiora l’eurogol da 30 metri.

Ribery 6,5: perde un paio di palloni sulla propria trequarti, ma quando prende palla è pura poesia anche se si “limita” al passaggio semplice. Basta la sola presenza in campo per trasmettere coraggio ai suoi compagni e timore all’avversario.

Djuric 6,5: è il vero regista della squadra. Ha una buona chance per sbloccarla ma la spreca, rischia il rosso con una gomitata evitabile. Ma tiene in apprensione tutta la difesa atalantina, deliziando la platea con un paio di colpi di tacco.

Gondo 6,5: una prima risposta a tanti soloni che, sul web, erano stati scettici circa il suo ritorno. Sfiora il gol, conquista un mezzo rigore e si intende perfettamente con Djuric.

Jaroszynski 5,5: si vede che è lontano dalla forma migliore, talvolta lento e goffo.

Bogdan 4: il suo errore è determinante per le sorti della gara, una marcatura morbida e una lettura incredibilmente sbagliata. Ma anche in precedenza era stato disastroso.

Bonazzoli 6: conquista punizioni e smarca Obi a tu per tu col portiere

Obi 5: il palo non è solo sfortuna, il portiere era già a terra e poteva fare di più. Ma sbaglia quasi tutto.

Simy 5,5: ancora un pesce fuor d’acqua, gioca lontano dalla porta.

Castori 5,5: una delle migliori prestazioni da quando guida la Salernitana, vincere con due reti di scarto sarebbe stato già minimo sindacale. Mezzo voto in meno perchè in fondo bastava essere più propositivi nelle gare precedenti quantomeno per evitare brutte figure. Ma a tratti abbiamo visto lo spirito garibaldino che farà la differenza.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.