Pagelle: Tutino show, Jaro e Gondo perfetti. Gyomber il miglior centrale della B

Adamonis 6,5 – Torna a giocare una partita a distanza di un anno, anche per questo a volte sembra goffo negli interventi. Ma lasciare il campo senza subire gol lo aiuterà a ritrovare fiducia, in fondo si è fatto trovare sempre pronto.

Aya 6.5 –  Si mette a uomo su Bajic e le prende tutte, con grande concretezza e ottima scelta di tempo. Quando è in forma è davvero un calciatore difficile da saltare, ci si chiede come abbia fatto ad arrivare così tardi in cadeteria Bello anche un lancio per Tutino.

Gyomber 7,5  – Per media voto il difensore centrale più forte della B, ancora una volta giganteggia dall’inizio alla fine e non fa passare praticamente nulla. Determinante due volte in area piccola con un intervento in spaccata ad anticipare Sabiri. Dionisi è cliente scomodissimo, ma se la cava con disarmante disinvoltura. Altra dedica a chi parlava di “scarto del Perugia retrocesso”.

Mantovani 7 – Quanto sarebbe cambiata la stagione se fosse stato a disposizione nella Salernitana che, pochi mesi fa, perse il treno playoff immeritatamente all’ultima giornata. Straordinario per scelta di tempo e capacità di leggere in anticipo ogni azione avversaria. Un po’ impreciso nei disimpegni, ma è una inezia rispetto a tutti i palloni che recupera.

Casasola 6,5 – Indemoniato sulla fascia, la sua prima ora di gioco rasenta la perfezione. Sfiora il terzo gol in tre trasferte ad Ascoli, il portiere gli dice di no con un  intervento prodigioso. Splendidi anche un paio di anticipi in scivolata su Parigini. Sta tornando ai livelli di Cosenza, in questo girone di ritorno è un calciatore ritrovato rispetto ai mesi precedenti.

Jaroszynski 6,5 – Interpreta il ruolo di esterno in modo perfetto, la prima mezz’ora è da manuale e gli riesce praticamente tutto. Da un suo fallo laterale nasce il gol del vantaggio immediato, poco dopo smarca Gondo con un lancio a tagliare il campo di grande qualità.  Un ritorno sottovalutato. (Dal 30’st Veseli 6 – Fa il suo, peccato per l’ammonizione).

Di Tacchio 6,5 – Prende per mano la squadra nei momenti di difficoltà, dopo il malore di Dziczek richiama i compagni e li carica per responsabilizzarli e rasserenarli. Il suo intervento in soccorso al compagno a terra è stato provvidenziale, conferma di quanti grandi uomini compongano questo gruppo straordinario. Fisicamente in leggero calo nella ripresa, ma è ovunque.

Coulibaly 6-  Quarta ammonizione consecutiva, ciò lo condiziona in negativo quando deve andare a contrastare l’avversario. La sensazione è che non sia ancora la top dal punto di vista fisico, ma Castori ha spiegato che ci sta lavorando in modo specifico per riportarlo agli standard di Trapani e Carpi. Alterna ottimi recuperi e qualche pallone perso in zone pericolose. (Dal 25’st Djuric 6 – E’ quasi un difensore aggiunto, si cala perfettamente nel ruolo).

Capezzi 6,5 – Sta tornando il giocatore completo e determinante di Crotone, che errore è stato sottovalutare il suo acquisto da parte dei tifosi della Salernitana! Tatticamente è un giocatore di intelligenza quasi unica per la categoria, forse l’unico che sa inserirsi bene dalle retrovie come dimostra l’assist vincente per Tutino. (Dal 30’st Dziczek sv – Esce in ambulanza per un malore, un grande in bocca al lupo a questo ragazzo).

Gondo 7  – Per caratteristiche sembra il partner ideale di Tutino, è dappertutto e tiene a bada da solo tre difensori avversari.  Sabiri lo stende con le cattive e ci stava il rosso, dimostra maturità perchè non raccoglie la provocazione. Forse c’era anche un rigore per uno sgambetto di Quaranta. Tra i migliori in campo. (Dal 20’st Kiyine 5,5 – Si impegna in fase di non possesso, ma non riparte quasi mai. Era entrato per quello).

Tutino 7,5 – Due gol, una traversa , altre due reti sfiorate e qualche giocata di classe da categoria superiore. Tiene in costante apprensione tutta la difesa dell’Ascoli, sembra quasi indemoniato e fa tutto quello che vuole. Oggi davvero di un’altra categoria, belle anche le parole a fine partita in cui lancia un segnale: per la promozione diretta c’è anche la Salernitana

Castori 7: tutti avevano storto il naso ad inizio partita, ma se lui ha 700 panchine e noi tutti scriviamo su facebook ci deve essere un motivo. La miglior Salernitana della stagione, giusti anche i cambi. E la classifica è da sogno come raramente era accaduto nella storia.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.