Partire col piede giusto a Pescara, in attesa…

di Enzo Sica

La ripresa è alle porte, il campionato di serie B dopo 21 giorni comincerà il suo cammino discendente con la Salernitana che cercherà di migliorare la sua attuale classifica ma soprattutto reinserirsi in quel contesto di compagini che puntano ai posti utili per agganciare i play off. E’ chiaro che la finestra di gennaio del calciomercato che chiuderà i battenti solo il 31 gennaio dovrà darci delle valide indicazioni perchè bisogna migliorare la rosa attuale e soprattutto  far arrivare in maglia granata elementi che sposano in pieno la causa di una squadra che finora ha deluso le aspettative ma che ha ampi margini di miglioramento.

Gian Piero Ventura un allenatore che ha dalla sua parte carisma ed esperienza è convinto che la rosa attuale con tanti giovani vuole solo migliorare. Certo perdere sei gare esterne non è un indicatore che potrebbe darti sicurezza e tranquillità futura ma rivedendo la maggior parte delle partite che non hanno portato punti in classifica ci si rende conto che alcune di queste si sono perse anche per sfortuna. O fragilità difensiva visto che la squadra granata è tra le compagini che in serie B hanno incassato più reti. Ma ora si può e si deve voltare pagina. Si sa bene che il girone di ritorno è un altro campionato che si affronta. Nel frattempo la società che certamente è attenta ai correttivi di cui ha bisogno l’attuale rosa ha portato in granata già un difensore di fascia sinistra come Aya che militava nel Pisa. Peccato che come Karo, Di Tacchio, Kiyine non possa essere impegnato già domenica pomeriggio a Pescara nella prima del girone di ritorno perchè squalificato.

Poi c’è la questione Cerci che sembra aver trovato un punto fermo visto che l’ex calciatore milanista potrebbe essere riconfermato e non partirà. Non va dimenticato anche Hertaux difensore esperto che è guarito e potrà essere utile a Ventura. Insomma alcune pedine sono già al loro posto, altre ne arriveranno, forse un attaccante al posto di Giannetti che ha delle richieste sul mercato.Quello che preme di più alla tifoseria è la buona partenza fin da domenica pomeriggio all’Adriatico di Pescara, uno stadio che ricorda purtroppo non cose belle visto che fu l’ultima gara della scorsa stagione, mancava solo un punto per salvarsi ma con il terzo allenatore di stagione in panchina (arrivò Menichini al posto dell’esonerato Gregucci che aveva sostituito a sua volta Colantuono…) fu un’altra Waterloo con una sconfitta che fece precipitare quella Salernitana a giocarsi nel play out contro il Venezia a permanenza in serie B…

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.