Salernitana, il prossimo turno fondamentale. Il calendario e le prospettive

E’ opinione abbastanza diffusa che il prossimo turno di campionato possa essere determinante per la stagione della Salernitana. Ad Ascoli, pur in piena emergenza, c’è la possibilità di conquistare punti pesanti e perdere sarebbe deleterio in virtù di un calendario che prevederà, in rapida successione, cinque scontri diretti consecutivi da giocare senza il fondamentale apporto del pubblico. La giornata che verrà, inoltre, offre un menu succulento e i tanti scontri diretti in programma permettono di sognare in grande qualora si sbancasse il Del Duca. Si giocano, infatti, Cittadella-Crotone, Pordenone-Pisa ed Empoli-Frosinone, occasione più unica che rara per mettere fieno in cascina e allontanare la nona. Ostico l’impegno del Chievo contro un Trapani letteralmente rinato con Castori, solo lo Spezia ha motivo di sorridere dal momento che riceverà al Picco un Cosenza virtualmente retrocesso. 90 minuti, dunque, da vivere in apnea e con la speranza di accelerare come mai è accaduto fino a questo momento. “Sono convinto che, battendo la Juve Stabia, faremo una grandissima partita ad Ascoli” disse mister Ventura in conferenza stampa alla vigilia del derby, una ventata di ottimismo alimentata dall’ottima prestazione di venerdì sera e dalle caratteristiche di un avversario che non potrà limitarsi a difendere e dovrà necessariamente sbilanciarsi. Dopo Ascoli, come detto, la Salernitana avrà un ciclo di fuoco. Prima il Cittadella in casa, il 13 luglio, poi big match a Crotone (ultima chance per la promozione diretta?), successivamente il rinato Empoli di Pasquale Marino prima della trasferta di Trieste col Pordenone e della gran chiusura con lo Spezia. Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare. Ora non si può più sbagliare, per essere protagonisti bisognerà  essere grande con le grandi.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.