Salernitana, siamo in dirittura di arrivo…

di Enzo Sica

Siamo in dirittura d’arrivo (o quasi). Si perchè la corposa documentazione di Lotito è arrivata in Federazione per cercare di sbrogliare la matassa <trust> che è la strada percorribile, almeno in questo momento, da parte della ormai ex società che faceva capo al presidente della Lazio ed al cognato Marco Mezzaroma.

Dunque nessuna fuga in avanti, che sono pericolose in questo delicato momento, ma consapevolezza ulteriore che le cose stanno andando avanti come richiesto dalla Federazione ed i leegli di Lotito hanno prodotto quei documenti <aggiuntivi> per far sbrigare la pratica Salernitana con grande apprensione, ed era logico, da parte della tifoseria. Che sta vivendo questa estate caldissima quasi in religioso silenzio aspettando da Roma quella fumata <bianca> che permetterebbe alla squadra granata di allinearsi ai nastri di partenza della serie A. Promozione conseguita sul campo malgrado ci siano società, senza fare nomi visto che non vogliamo far loro pubblicità, retrocesse dalla serie A che con quel verbo <vigilare> aspettano solo i cosiddetti passi falsi che, statene certi tutti, non ci saranno da parte di due imprenditori come Lotito e Mezzaroma che hanno riportato il calcio che conta a Salerno in appena un decennio ed hanno, forse, avuto un solo tirto: quello di non pensare che quella lunga cavalcata della squadra granata con Castori in panchina potesse approdare nel campionato appena trascorso in serie A.

E’ chiaro che nessu o ha la palla di cristallo ma la consapevolezza che due società in A non si possono tenere doveva spingere oltremodo il patron Lotito d affrettare quella vendita che ora, attraverso il trust ed i <trustee>, dovrà avvenire nel giro di sei mesi. E non sarà così facile anche se nin si devono mettere mi limiti alla provvidenza.

Dunque ora si aspetta anche che la Covisoc certifichi l’indipendenza economica del trust prima di mettere, positivamente, la parola fine a questa <querelle> della quale i tifosi della Salernitana avrebbero volentieri fatto a meno. Ma si sa che quando ballano interessi di tal genere le valutazioni si devono fare approfonditamente per evitare sensazioni negative che non ci dovranno mai essere. Per il bene di Salerno e della Salernitana che da qui a qualche giorno rimuove questa <calda estate> per proiettarsi con visite mediche, ritiro e acquisto di calciatori sul campionato di serie A.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.