Sciopero del tifo, le ultime novità

Sciopero del tifo, le ultime novità

Allo stadio Zini come fossimo all’Arechi? Possibile. Se la torcida granata sta rispondendo a suon di biglietti venduti sia in città, sia nelle varie regioni italiane (toccata stamattina quota 500), il popolo grigiorosso sta pensando ad una forte forma di protesta dopo la sconfitta per 2-0 maturata a Cosenza e che ha acuito la crisi di una squadra cui, per ora, il cambio tecnico non ha sortito alcun tipo di giovamento. Nonostante il grande mercato condotto in estate, dunque, i lombardi si ritrovano a lottare per la retrocessione e la gente non ha perdonato l’atteggiamento dei calciatori in terra calabrese. E così i gruppi ultras hanno stabilito che si ritroveranno nel piazzale antistante la curva Sud intorno alle 14:15, si posizioneranno regolarmente sugli spalti al termine del riscaldamento esponendo uno striscione rivolto alla proprietà, alla dirigenza, allo staff tecnico e alla squadra e successivamente potrebbero andar via in segno di protesta e indire lo sciopero del tifo a tempo indeterminato. Un possibile vantaggio per la Salernitana, dunque, pronta a godere dell’apporto della gente dal primo al novantacinquesimo in uno stadio difficile, ma che potrebbe diventare meno ostile del solito.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.