Serie B 13^ giornata: Lecce, che scivolone, l’Empoli pareggia a Verona e torna in testa

Brescia-Reggiana 3-1

Il Brescia vince la sua seconda gara in tre giornate: successo per 3-1 sulla Reggiana. Per Dionigi terzo risultato utile consecutivo dal suo arrivo sulla panchina delle rondinelle. Gara sbloccata nel primo tempo da un colpo di testa di Torregrossa su calcio piazzato calciato da Jagiello. Il pareggio degli emiliani arriva al 32′ con Radrezza. Nel recupero del primo tempo Jagiello allunga ancora per il Brescia: calcio piazzato deviato a spiazzare Cerofolini. Nella ripresa, nonostante gli sforzi sterili della Reggiana di cercare il pareggio, Dionigi azzecca i cambi e la coppia Bjarnason-Ragusa confeziona il gol del 3-1. Il Brescia risale la china e allunga sulla Reggiana.

 

ChievoVerona-Empoli 1-1

Il ChievoVerona scappa, l’Empoli lo riprende. Finisce in parita’ la sfida al Bentegodi tra i veneti e i toscani in una gara in cui le squadre si sono divise occasioni e tempi di gioco. Prima frazione per i locali che passano grazie ad un guizzo di Obi che sfrutta una lacuna della difesa ospite. Meglio i gialloblu’ pericolosi in fase offensiva. Di tutt’altro spessore la ripresa che vede un Empoli di qualità soprattutto in avanti. La Mantia trova il pari dopo un errore di Semper, poi il Chievo resta in inferiorita’ numerica per il rosso a Renzetti, l’Empoli tenta il colpaccio ma il Chievo difende anche con buon piglio il pareggio.

 

Cremonese-Cosenza 1-0

Alla Cremonese basta un gol per conquistare la seconda vittoria stagionale e agganciare il Cosenza in classifica. Una gara di estrema sofferenza per i grigiorossi che evitano piu’ volte il gol del pareggio dei calabresi. Al 14′ vantaggio della Cremonese: scambio a sinistra tra Buonaiuto e Nardi che si porta verso il limite e serve all’indietro Pinato il cui diagonale va sul palo prima di entrare in rete. Il Cosenza alza il baricentro, assedia i grigiorossi e sfiora piu’ volte il pari: al 17′ il palo di Baez, quindi al 35′ miracolo di Volpe su tiro ravvicinato di Sueva. Nella ripresa calabresi subito a razzo ma ogni tentativo si scontra con la difesa della Cremonese che tiene una vera diga davanti all’area. Al 30′ la Cremonese sfiora il raddoppio con Celar che da buona posizione in area calcia a lato, poi il Cosenza si vede annullare per fuorigioco un gol. Nei minuti finali cresce la stanchezza e il risultato non cambia piu’.

 

Lecce-Pisa 0-3

Prima sconfitta interna del Lecce contro un Pisa (0-3) che ha giocato alla grande, meritando la vittoria. Primo tempo con i padroni di casa che hanno mostrato la faccia piu’ brutta di questa stagione. Errori difensivi che hanno aperto le porte, gia’ al 2′, al vantaggio del Pisa con la rete di Soddimo segnata dopo un liscio di Meccariello. Il raddoppio pisano al 18′ con un secondo errore a centrocampo di Tachtsidis che, nel tentativo di superare il suo avversario con un pallonetto, ha messo in azione Gucher che, con un tiro prima finito contro il palo e poi scivolato in porta, ha regalato al Pisa un meritato 2-0. La terza rete pisana porta la firma di Sibilli al 22′ della ripresa con uno stupendo tiro da lontato.

 

L.R. Vicenza-Ascoli 2-1

Dopo la vittoria di Pescara e la sconfitta di Cittadella nel turno infrasettimanale, il Vicenza batte 2-1 l’Ascoli di Delio Rossi. Nel primo tempo sono i padroni di casa a farsi pericolosi e dopo solo nove minuti di gioco trovano il vantaggio con Meggiorini servito da Dal Monte. I biancorossi hanno due occasioni nei piedi del gambiano Jallow ma nulla di fatto; dopo due ammonizione rimediate da Rigoni per i locali e da Saric per gli ospiti, l’arbitro manda le squadre a riposo senza recupero. Nella ripresa, dopo venti minuti, l’Ascoli agguanta il pareggio con una rete di Sabiri su punizione. Mimmo Di Carlo corre ai ripari e inserisce Cinelli, Gori e Giacomelli ma, sulle prime, senza risultati; e’ l’Ascoli a farsi pericoloso a fine partita con Buchel. Ma la Lanerossi non demorde e all’ultimo minuto del recupero, durato cinque minuti, segna il gol partita con Padella che trafigge Leali per la prima vittoria stagionale in casa.

Pescara-Monza 3-2

Il Pescara ha battuto per 3-2 il Monza nel posticipo della 13/a giornata di Serie BKT. Partita spettacolare, ricca di gol e risolta solo nei minuti finali. Padroni di casa in vantaggio con Galano al 22′, il pareggio del Monza con Bettella al 26′. Nella ripresa, ospiti in dieci per l’espulsione di Scaglia al 62′. Sul rigore conseguente, Pescara di nuovo avanti con Ceter Valencia. Il Monza però non molla e all’84’ ancora Bettella segna il 2-2. Sembra fatta per i lombardi e invece al 90′ Bocchetti regala i tre punti al Pescara. Con questa vittoria, la compagine abruzzese abbandona l’ultimo posto in classifica, scavalcando in un colpo solo Entella e Ascoli. Il Monza resta invece ottavo con il Cittadella.

Venezia-Spal 0-0

Un tempo per uno e pareggio giusto fra Venezia e Spal con Thiam e Lezzerini a blindare la divisione della posta. Mister Marino deve infatti ringraziare il palo, corner di Aramu, e il suo gigantesco portierone che nel primo tempo e’ decisivo su Mazzocchi e Ceccaroni, con gli arancioneroverdi che sembrano padroni del match. E invece il Venezia nella ripresa si spegne e si innervosisce, paga la giornata opaca di Aramu ed escono alla distanza gli ospiti, soprattutto dopo l’ingresso di un brillante Castro, e prima con Dickman e soprattutto con l’altro subentrato Paloschi nel finale, grande il riflesso di Lezzerini, sfiorano il bottino pieno.

Reggina-Cittadella 1-3

Il Cittadella passa al Granillo battendo per 3-1 la Reggina e superando anche l’emergenza Covid che aveva decimato la squadra veneta. Anche il tecnico Venturato assente in panchina. La Reggina, che pure lamenta numerose assenze, scende in campo concentrata e attenta dopo la rivoluzione che ha portato all’arrivo del tecnico Marco Baroni. Gli amaranto sfiorano il gol gia’ al 2′ con Liotti che, di testa, tira sopra la traversa. Al 21′ i calabresi sbloccano la gara: perfetto cross di Rivas sempre per Liotti che, ancora di testa, mette dentro. Tarda a reagire il Cittadella e crea poco, con un solo tiro fuori di Tavernelli. Poi la svolta: Branca dalla bandierina manda la palla in area dove Lafferty tocca col braccio largo, rigore. E’ il 40′ e Tsadjout dal dischetto non sbaglia, portando la gara sull’1-1. Nella ripresa la partita cambia totalmente e al minuto 8 i veneti passano in vantaggio. Pasticcio tra Plizzari e Stavropoulos, nessuno dei due interviene, ne approfitta Proia che segna a porta vuota. Poco dopo Liotti rovina la sua bella partita con un’entrata in ritardo su Adorni che gli costa la giusta espulsione. Al 25′ arriva il terzo gol del Cittadella con un’azione avviata e conclusa da Branca che mette dentro su una respinta corta della difesa.

da legab.it

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.