Serie B 3a giornata: colpaccio Empoli

Il Brescia centra la prima vittoria in campionato. La squadra di Diego Lopez batte il Lecce dell’ex Eugenio Corini 3-0. Protagonista della serata Emanuele Ndoj autore di una doppietta. Primi tre punti per i lombardi, primo ko dei salentini. Brescia in vantaggio al 9′ grazie ad una bella azione corale rifinita da Aye’ e conclusa da Ndoj. Per l’albanese ottimo ritorno da titolare. Il raddoppio arrivava nella ripresa, al 22′: grandissima l’esecuzione di Ndoj a mettere palla nel sette girandosi in un fazzoletto in area di rigore. E nel finale ecco il sigillo di Aye’, al suo primo gol in Italia. Ottima prova di Tom Van De Looi lanciato nella mischia a dirigere il traffico e a dare equilibrio alla manovra. Nel Brescia da sottolineare la prova di Sabelli. Per il Lecce serata no di molti giocatori e ritorno amaro in terra bresciana di Corini. Da sottolineare il gol del possibile 1-1 annullato per fuorigioco a Meccariello.

Cosenza-Cittadella 1-1

Dopo 2 vittorie di fila il Cittadella non va oltre l’1-1 contro un Cosenza al terzo pareggio di fila. I veneti sono più intraprendenti in avvio, provano più volte a sorprendere Falcone e al 7′ ci riescono con Rosafio, che capitalizza una combinazione con Tsadjout. Il Cosenza non perde la bussola nonostante lo svantaggio e riprende la gara poco dopo. Carretta, al 18′, fulmina Maniero con un pallonetto. La gara resta vivace ma né una né l’altra riescono più a colpire.

Cremonese-Venezia 0-0

Secondo pareggio consecutivo della Cremonese che in casa non riesce ad avere la meglio di un Venezia quadrato e molto solido in difesa. Gara abbastanza equilibrata con la Cremonese le squadre che di fatto hanno avuto il predominio in maniera alternata nei due tempi. I grigiorossi ci provano invano con le conclusioni di Gustafson, Gaetano e una punizione di Valeri ben parata da Lezzerini. Nel secondo tempo il Venezia guadagna diversi calci d’angolo ma, a parte una girata di Modolo fuori, la difesa locale non corre mai pericoli eccessivi.

Reggiana-ChievoVerona 0-1

Il Chievo trova la prima vittoria del suo campionato a Reggio Emilia. Un gol e tante occasioni per raddoppiare sprecate hanno tenuto in bilico il punteggio fino alla fine. Cerofolini ha tenuto a galla i granata ingaggiando una lotta personale con Garritano, Canotto e Viviani mentre Fabbro ha centrato la traversa qualche istante prima che Garritano spedisse in rete l’1-0. La reazione emiliana è arrivata nella ripresa con coraggio e cuore ma queste qualità non sono bastate per trovare la rete del pareggio.

Pordenone-Spal 3-3

Bella gara nell’esordio stagionale fra le mura amiche al Guido Teghil di Lignano Sabbiadoro (Udine), nuova casa del Pordenone. Neroverdi e Spal cercano la prima vittoria dopo due pareggi nelle altrettante giornate di campionato disputate, ma finisce 3-3. Prima mezz’ora di marca casalinga con gli uomini di Tesser che vanno in vantaggio con Diaw dopo appena 5 minuti: palla di Falasco in profondità per l’ex Cittadella che salta Salamon e Vicari e supera Berisha. Al 18′ il raddoppio: da corner dalla destra di Calò colpo di testa vincente da centro area di Barison. Partita chiusa? Macché’. La Spal non ci sta e alla mezzora accorcia le distanze con un colpo di testa ravvicinato di Castro servito bene dalla destra da Sernicola. Finale di tempo con gli spallini vicini al pari ancora con Castro e con una traversa di Vicari. Nella ripresa dopo neanche un minuto arriva il pari con un tiro dal limite, di destro in controbalzo, di Strefezza che supera Perisan. Sei minuti più tardi il vantaggio ospite: punizione dalla destra di Murgia, sponda di Tomovic per il tap-in da pochi centimetri di Paloschi. Il Pordenone ci prova con Calò e Camporese ma è per un’ingenuità di Murgia, un tocco di mani in area in fase di costruzione dell’azione, che trova il pari, al 45′ con il rigore trasformato da Diaw.

Salernitana-Pisa 4-1

La Salernitana batte 4-1 il Pisa all’Arechi. La squadra di casa è brava a sfruttare la prima occasione da rete con Tutino che su lancio di Belec s’incunea tra i difensori centrali e batte Perilli con un preciso diagonale. Il primo tempo si chiude con il Pisa a recriminare su due buone occasioni sprecate da Gucher. Nella ripresa la Salernitana legittima il vantaggio, arrotondandolo dapprima con il neo entrato Kupizs e, poi, calando il tris con la prima doppietta in granata di Tutino su assist di Schiavone. Quarto gol in tre partite per l’ex attaccante del Napoli. L’altra doppietta di casa la sigla Kupizs al 26’della ripresa: l’esterno ex Cesena è lesto a controllare e scaraventare in porta dopo i tentativi di Tutino e Djuric. Dal dischetto il gol della bandiera lo sigla Marconi. Finisce in trionfo per la Salernitana che conquista la sua seconda vittoria consecutiva e vola a sette punti in classifica generale.

Virtus Entella-Reggina 1-1

Finisce 1-1 il match del Comunale di Chiavari con la Virtus Entella che trova il pari proprio in extremis grazie ad un rigore ottenuto e trasformato da Mancosu all’ultimo minuto. Dopo un primo tempo equilibrato che si chiude a reti inviolate, una punizione di Crisetig nella ripresa spiana la strada agli amaranto che tengono il campo bene e sfiorano a più riprese il doppio vantaggio complice anche l’inferiorità numerica ligure causata dall’espulsione di Crimi. Tante le occasioni sprecate dagli amaranto che vengono beffati nel finale dal cuore biancazzurro che ha il volto di Mancosu, steso in area da Rossi all’ultimo respiro, e freddo dagli 11 metri a battere Guarna per il definitivo pareggio.

Pescara-Empoli 1-2

L’Empoli vince 1-2 in casa del Pescara e aggancia Cittadella e Salernitana in testa alla classifica. Toscani in vantaggio già al 6 minuto con un colpo di testa di Romagnoli ma la reazione dei padroni di casa si concretizza poco dopo la mezz’ora quando Maistro s’inventa il gol che vale il pareggio. Nella ripresa entrambe le squadre cercano il gol vittoria ma è l’Empoli a trovare la via della rete ancora con un colpo di testa, stavolta di Moreo, che batte Fiorillo e consegna i 3 punti agli ospiti.

Frosinone-Ascoli 1-0

Il Frosinone batte di misura l’Ascoli allo Stirpe e conquista tre punti preziosi. Prima frazione di gioco nella quale la formazione ospite si lascia preferire, non riuscendo però a concretizzare la superiorità nel possesso palla per lunghi tratti. I ragazzi di Bertotto manovrano bene, arrivano alla conclusione con facilità, ma peccano di precisione. Saric dopo pochi minuti, due volte Chiricò e infine Pucino sfiorano con le loro battute il gol. In avvio di ripresa i laziali scendono in campo con un piglio diverso e al 10′ sfiorano il vantaggio con Tabanelli che servito involontariamente da Chiricò, si lascia ipnotizzare da Leali. Lo stesso numero uno bianconero si ripete poco dopo su Novakovich, ma nulla può al 30′, quando Salvi si inventa una rete magnifica al termine di una splendida azione personale che lo vede saltare in area ben due avversari. I marchigiani provano a reagire ed in pieno recupero sfiorano il pari con una bellissima punizione di Kragl che si stampa sulla traversa.

da legab.it

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.