Serie B 4^ di ritorno: Empoli e Frosinone corsare

Cittadella-Empoli 1-2

L’Empoli sbanca il Tombolato e batte 2-1 il Cittadella. La partita si sblocca subito, al 6′ Mancuso raccoglie di testa un traversone e insacca portando in vantaggio gli ospiti dopo che il Cittadella era andato vicino alla marcatura in almeno un paio di occasioni. La reazione granata non è veemente ma immediata. I toscani chiudono bene gli spazi bloccando sul nascere le iniziative di Diaw e Stanco. L’occasione del raddoppio capita sui piedi di Henderson che mette fuori da distanza ravvicinata. Il pari arriva al 38′ grazie a una staffilata al volo di Adorni da 25 metri che si insacca all’angolino. La ripresa si apre con i padroni di casa all’arrembaggio che creano tre occasioni nitide con interventi decisivi di Brignoli. Alla mezz’ora però è l’Empoli a tornare in vantaggio su azione di rimessa che trova Bajrami smarcatissimo in area.

Crotone-Cremonese 1-0

Il Crotone la risolve nel finale contro la Cremonese, grazie alla decima rete di Simy, e si prende il secondo posto in classifica proprio sul filo di lana, in una partita davvero difficile da sbloccare. Primo tempo con poche occasioni, con la squadra di Stroppa a fare moltissimo possesso palla ma con poco costrutto, e la Cremonese chiusa bene pronta a far male in ripartenza. All’8′ il colpo di testa di Simy impegna Ravaglia; al 37′ Palombi in scivolata mette sull’esterno della rete. Più vivace la ripresa: all’11’ Ravanelli salva, a portiere battuto, sulla conclusione di Molina; dall’altra parte, al 20′, è Cordaz a mettere un piede sul destro da pochissimi passi di Valzania. Poi, al 42′, Simy approfitta di un black out della difesa ospite e insacca di testa il cross di Mustacchio.

Pordenone-Livorno 2-2

Il Livorno tiene vive le speranze salvezza con un’ottima prestazione in casa dell’oramai ex seconda in classifica. Alla Dacia Arena di Udine la formazione amaranto conquista un punto prezioso in chiave salvezza contro un Pordenone che non vince dallo scorso 29 dicembre. Nonostante le tante le occasioni costruite nel corso del primo tempo, gli uomini di Tesser riescono a sbloccare l’incontro solo a sei minuti dall’intervallo con Gavazzi, che sfrutta al meglio una sponda di Strizzolo. In avvio di ripresa il Livorno cerca con insistenza la rete dell’1-1 e la trova al sesto minuto con Bogdan, che sfrutta al meglio un corner battuto da Marras. Proprio quest’ultimo al 22′ completa la rimonta, su cross di Braken. Ma il Pordenone non si arrende e a sette minuti dalla fine del match sigla il 2-2 con il neo-entrato Chiaretti.

Venezia-Frosinone 0-1

Una deviazione sotto rete di Rohden, al primo centro in campionato, al 18′ della ripresa regala al Frosinone tre punti pesanti, la terza vittoria consecutiva e il provvisorio secondo posto in classifica mentre un Venezia, davvero sfortunato nel finale, alimenta la “maledizione del Penzo”, che non vede gli arancioneroverdi vittoriosi da quasi tre mesi in casa. Dopo un’ora molto equilibrata, con i portieri spettatori non paganti, il vantaggio degli uomini di mister Nesta, risveglia il Venezia. Dionisi getta nella mischia tutte le punte a disposizione e Fiordilino all’83’ e Zigoni allo scadere del corposo recupero, quasi 8′, colpiscono due clamorosi pali a Bardi battuto.

Perugia-Spezia 0-3

Successo dello Spezia in casa del Perugia nella gara valida per la 23/a giornata della Serie BKT. Al Curi, nel giorno del ricordo dell’ex presidente Luciano Gaucci, scomparso nei giorni scorsi a Santo Domingo, i liguri si impongono 3-0. Ricci sblocca il risultato al 41′ del primo tempo su rigore, nella ripresa Nzola al 15′ e ancora Ricci, sempre dal dischetto, al 28′, aumentano il divario. Lo Spezia sale così a 34 punti, in piena zona playoff, scavalcando proprio gli umbri, fermi a 33.

Pisa-ChievoVerona 1-1

Finisce 1-1 tra Pisa e ChievoVerona un bel match ricco di azioni e colpi di scena: alla fine il risultato è giusto anche se il Chievo ha da recriminare per due palloni respinti sulla riga a Gori battuto. Gli ospiti passano all’8′: Cross di Giaccherini e Meggiorini, in semirovesciata, fulmina l’estremo difensre nerazzurro. Un minuto dopo Marin potrebbe pareggiare, ma da buona posizione tira alto. Al 26′ Renzetti crossa per Segre che colpisce di testa a botta sicura: Gori compie il miracolo, poi, sulla ribattuta Ceter mette alto di testa. Al 34′ Ceter si invola in contropiede: Gori esce, ma è scavalcato dal pallonetto repinto da Birindelli sulla riga. Nella ripresa il Pisa si fa subito pericoloso con Masucci che ti testa costringe Semper ad una difficile deviazione in angolo. All’11’ i nerazzurri pareggiano: Lisi con un tiro dal limite trova l’angolino basso alla sinistra di Semper. Al 26′ Marconi mette fuori di un niente un colpo di testa. Al 41′ Gori si infortuna anticipando Djordjevic: gioco fermo 4′, poi, bendato, torna in porta anche perchè il Pisa ha già effettuato i tre cambi. Al 51′ Garritano al termine di una mischia tira a botta sicura: Gori è battuto, ma Gucher salva sulla linea.

Virtus Entella-Pescara 2-0

Vittoria di rigore per la Virtus Entella che blocca ferma la risalita del Pescara e infligge la prima sconfitta dell’era Legrottaglie al Pescara. Due i penalty assegnati dal signor Sozza al 35′ – fallo di Zappa su Mazzitelli – e al 9′ della ripresa – fallo di mano di Crecco su cross di Alejandro Rodriguez – trasformati senza esitazioni dalla “zanzara” Giuseppe De Luca e da Rodriguez. Vittoria tutto sommato meritata dai padroni di casa, che hanno costruito di più e che recriminano anche per un palo colpito dallo stesso Rodriguez sullo 0-0. Il Pescara forse condizionato dalle assenze, a cui Kastanos che va ko dopo mezz’ora di prova.

Cosenza-Benevento 0-1

Benevento a vele spiegate verso la serie A. Ne fa le spese il Cosenza, che prosegue negativamente la sua stagione. Al “Marulla”, i giallorossi concretizzano la vittoria numero sedici di questo campionato con un eurogol di Insigne nel primo tempo. I calabresi non riescono ad approfittare della superiorita’ con cui giocano per quasi tutta la ripresa (espulsione diretta per Volta dopo un fallo su Asencio). I rossoblu’, dopo uno squillo di Pierini su cross di D’Orazio sul quale Montipo’ smanaccia, si aggrappano ai guanti di Saracco sulla punizione di Letizia. Al 34′ pero’ il Benevento firma lo 0-1 con un tiro a giro sul secondo palo di Insigne. La squadra di Braglia, con Pierini, spreca una punizione indiretta in area di rigore prima dell’intervallo. Nella ripresa, dopo l’espulsione di Volta all’8′, Montipo’ sale in cattedra e salva Inzaghi in tre circostanze su Baez (5′) e due volte su Pierini (9′ e 47′).

dal sito della Lega b

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.