Soligo: “Salernitana, rispetto agli altri hai il pubblico che fa la differenza”

Soligo: “Salernitana, rispetto agli altri hai il pubblico che fa la differenza”

A Salerno ha disputato campionati straordinari, un capitano di altissimo spessore umano e professionale capace di onorare la maglia anche nei momenti più bui. Vivrà la partita della prossima settimana con particolare trasporto emotivo, da veneziano che lavora per il Venezia, ma che il 19 giugno scorso celebrava il centenario della Salernitana accolto trionfalmente da oltre 15mila persone. Evans Soligo, intervistato dal quotidiano La Città, ha dichiarato quanto segue: “E’ davvero paradossale quello che successe appena pochi mesi fa. Festeggiammo la salvezza, improvvisamente ci dissero che dovevamo disputare i playout e  fu complicato ritrovare la necessaria concentrazione. Sul campo le cose andarono male, ma per fortuna siamo stati ripescati e abbiamo la possibilità di giocare nuovamente in questa categoria. Sabato prossimo la posta in palio non sarà così alta, ma il mio cuore è comunque diviso a metà: lavoro per il Venezia ed è la squadra della mia città, ma non posso mai dimenticare Salerno e i salernitani. Sono stato felicissimo di presenziare alla festa del centenario davanti a migliaia di persone, avverto sempre il rispetto e la stima che sono sentimenti assolutamente ricambiati. Anche i granata hanno voglia di riscatto dopo aver rischiato la retrocessione, in trasferta hanno lasciato soltanto le briciole ma non inganni il nostro rendimento casalingo: le prestazioni sono state ottime, non sono state accompagnate dai risultati. Indubbiamente la Salernitana può puntare ad un campionato di vertice, rispetto alle altre può contare su una componente importante: la tifoseria, capace di spingere e dare una marcia in più”. 

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.