Sousa: “Io sono sempre lo stesso e credo che possiamo ottenere risultati straordinari”

Di seguito le dichiarazioni del tecnico della Salernitana Paulo Sousa:

E’ la peggior prestazione della sua gestione?

“Sono d’accordo e mi dispiace perchè abbiamo preparato diversamente la partita. Volevamo attaccare tanto sugli esterni, invece non siamo riusciti a superare la prima linea di pressione e l’avversario ha preso campo chiudendoci nella nostra area. Nelle ripartenze sapevamo che l’Empoli era forte e che sapeva attaccare la profondità, nel primo tempo hanno creato un grande numero di occasioni e noi ci siamo consegnati ai nostri avversari perdendo palloni semplici. In tante occasioni potevamo ripartire con qualità, invece le nostre opportunità si trasformavano nella nostra inferiorità numerica. L’intensità che ci ha messo l’avversario è stata diversa dalla nostra. Siamo andati molto meglio nella ripresa, ma non c’è stato un lavoro sufficiente per arrivare ad un risultato diverso. Contro il Frosinone ho visto idee di gioco e capacità di arrivare alla conclusione con maggiore continuità. Oggi invece è stata la peggior gara della mia gestione, da parte di tutti”.

Crede che può venir meno la fiducia da parte della società?

“I risultati condizionano sempre ciò che puoi pensare di chiunque. Io sono sempre lo stesso, la rosa grossomodo è la stessa e qualche risultato straordinario lo abbiamo conquistato. Ci stiamo parlando, ci sono delle situazioni che si ripetono e che incidono all’interno di una squadra. Per vincere le partite ci vogliono tante componenti, ma se oggi il pallone sbatte sul palo e non entra vuol dire che c’è qualcosa che non va. Resta la sinergia con la città e con la tifoseria, noi dobbiamo trovare continuità nei risultati e provare a sbloccarci mentalmente. Nella mia gestione abbiamo fatto delle cose ottime, ci sono i presupposti per continuare a farle”.

Come si può far capire alla tifoseria che quest’anno sarà dura se l’allenatore, sin dal ritiro, temeva una falsa partenza mentre la società sminuisce il valore delle dirette concorrenti?

“L’unico modo è avere una comunicazione serena e positiva tra di noi. E questa cosa c’è”.

Come mai ha sostituito Candreva e Martegani?

“Nel primo caso c’è stato un problema di natura fisica che valuteremo nelle prossime ore. Nel secondo è stata una scelta tattica”,

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.