Tedesco: “Dieci piani di morbidezza e Lazzaro al 94′, che goduria!”

Intervistato dal sito CalcioNapoli24, il doppio ex Giacomo Tedesco ha dichiarato quanto segue: “Sono un tifoso della Salernitana a tutti gli effetti, a quella città sarò sempre particolarmente legato. Fu la prima esperienza lontano da casa, raggiunsi mio fratello Giovanni e andai via dalla Sicilia. Partimmo alla grande, contro ogni pronostico vincemmo il campionato di serie B e affrontammo la A a testa alta retrocedendo per un solo punto. Mi tolsi la soddisfazione di segnare il gol della prima vittoria: 1-0 contro la Lazio che poi finì al secondo posto sfiorando lo scudetto. Andai via nel 2000, voluto fortemente da Zeman a Napoli. Quando la notizia del trasferimento divenne ufficiale ci fu grande amarezza e sorpresa, alcuni miei amici non volevano crederci. La rivalità tra le due città è nota, non me lo perdonarono. Lì giocai pochissimo, specialmente dopo l’esonero quasi immediato del mister. Quando Zeman, un anno dopo, firmò proprio per la Salernitana ci fu un motivo in più per tornare e per provare a riconquistare la tifoseria granata. L’accoglienza non fu calorosissima, tutt’altro. Ma dovevo aspettarmelo, sono cose che fanno parte del calcio e che devi accettare. Il mio gol sotto la curva Sud in quel Salernitana-Napoli 3-1 fu una sorta di abbraccio collettivo che ci permise di fare pace, quando poi sul campo dai tutti e onori la maglia il pubblico sa riconoscerlo e ti apprezza. In quel periodo si giocarono molti derby, ricordo che la gente ci diceva “voglio retrocedere, ma non perdere la partita con il Napoli”. E qualche soddisfazione ce la siamo tolta. Come dimenticare la rete di Lazzaro al 94′, nata da un’azione del napoletanissimo Di Vicino. Nel viaggio di ritorno ci fu una festa bellissima, a Salerno si respirava un’atmosfera speciale. Per non parlare della coreografia dei “Dieci piani di morbidezza”, non mi sarei meravigliato se la curva Sud avesse preparato un’altra scenografia originale e spettacolare per la gara di domani. Ad ogni modo spero che il Napoli vinca lo scudetto, anche per interrompere l’egemonia del Nord, e che la Salernitana si salvi in anticipo”.

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.