Ventura: “Salvo solo i tre punti, ma possiamo battere chiunque!”

E’ un Ventura come sempre lucido e onesto quello che ha analizzato la partita disputata questa sera contro il Trapani, banco di prova superato…a metà: “Se vogliamo fare un bilancio di queste prime partite del 2020, posso dire che abbiamo sempre avuto un approccio importante giocando bene con Pescara e Benevento e battendo il Cosenza. Stasera obiettivamente c’è stato un passo indietro, eppure nei primi 20 minuti sembrava la Salernitana degli ultimi tempi. Il gol su azione corale, le due chance per Maistro e il colpo di testa di Gondo lasciavano presagire ben altro. Il Trapani era ben messo in campo, non ci ha fatto palleggiare e anche atleticamente arrivava primo sul pallone, credo di aver sottovalutato la stanchezza di alcuni giocatori che non erano abituati a giocare tante gare ravvicinate. Avremo una settimana di tempo per recuperare e andare a Verona per fare del nostro meglio. Dovessimo essere quelli di Benevento, possiamo vincere contro chiunque e fare risultato dappertutto. Non è presunzione, sia chiaro, ma quando i calciatori ammettono di non aver giocato bene anche dopo una vittoria significa che siamo sulla strada giusta e iniziamo a parlare lo stesso linguaggio. Aya? Ha fatto una buona partita, ma sul piano dell’impegno e dell’attaccamento non posso rimproverare assolutamente nulla a nessuno. In generale resto convinto che sta a noi decidere che tipo di percorso vogliamo fare: non leggo la classifica, almeno fino ad aprile, ma i ragazzi sanno bene dove ci troviamo e quanti margini di miglioramento abbiamo. Se pensiamo a quei quattro punti persi in casa al 95′, è evidente che un pizzico di rammarico c’è. E’ un gruppo giovane che può alternare prove importanti ad altre negative, vedremo se la Salernitana del futuro ha voglia di essere performante come con Benevento, Pescara e Pordenone oppure irriconoscibile come accaduto a Pisa, Cittadella e Spezia. Stasera, come detto, porto a casa i tre punti. Quando fai fatica ad effettuare due passaggi di fila, per chi subentra diventa molto complicato incidere e anche per questo ho ritenuto che non fosse opportuno inserire Jallow. Lombardi e Cicerelli? Crampi e stanchezza, credo che a Verona ci saranno senza problemi”. 

Comments are closed, but trackbacks and pingbacks are open.